Come Segnalare o Denunciare un Broker di Opzioni Binarie

Apr 01

Come Segnalare o Denunciare un Broker di Opzioni Binarie

Nel mondo delle opzioni binarie, così come nel mondo finanziario in generale, è possibile che qualche intermediario finanziario non si comporti secondo le regole di trasparenza, etica e correttezza richieste, ma che addirittura si comporti in modo truffaldino e fraudolento.

Le ultime vicende legate ad alcuni brokers mi hanno spinto a creare una sorta di guida nel caso in cui dobbiate effettuare dei reclami o lamentele o segnalare qualche truffa o comportamento scorretto da parte dei brokers di opzioni binarie.

 

Brokers senza pretensioni e voglia di derubarvi sono molti ma noi diamo preferenza a questi.

Chi regola il mondo delle opzioni binarie in Italia

Poiché essi sono considerati intermediari finanziari, l’ente che regola tali imprese in Italia è la CONSOB, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa. In Italia possono operare tutti quei brokers autorizzati anche in altri paesi membri dell’Unione Europea in base alla direttiva sui mercati degli strumenti finanziario (MiFID).

I brokers attualmente autorizzati sono i seguenti: 24Option, AnyOption, Banc de Binary, Banc de Swiss, OptionTime, OptionWeb e TopOption.

Quando e come richiedere l’intervento della Consob

Per prima cosa, è necessario aver esposto reclamo direttamente al broker in questione e se la controversia non è stata sanata è possibile segnalare l’accaduto alla Consob.

La Consob, infatti,  si occupa di controllare il mercato finanziario e specialmente che tutti gli intermediari:

  • Si comportino in modo diligente, corretto e trasparente;
  • Acquisiscano le informazioni dai clienti e provvedano ad informarli adeguatamente sui prodotti finanziari ed i rischi connessi;
  • Utilizzino comunicazioni pubblicitarie e promozionali veritiere, chiare e trasparenti;
  • Identifichino eventuali conflitti d’interesse e li gestiscano in modo tale da non penalizzare i propri clienti;
  • Operino in modo da salvaguardare e rispettare i diritti dei clienti sui beni da loro affidati.

Se una di queste regole viene violata, è necessario quindi segnalare il broker alla Consob.

Cosa fare per segnalare

La richiesta, chiamata “esposto”,  deve essere effettuata tramite posta cartacea al seguente indirizzo:

CONSOB – Divisione Tutela del Consumatore

Ufficio Consumer Protection

Via G.B. Martini, 3

00198 Roma

Italia

E’ necessario fornire affinché l’esposto possa essere esaminato:

  • Nome, cognome, indirizzo e numero di telefono per eventuali chiarimenti;
  • Una descrizione chiara e concisa dell’accaduto, il motivo del reclamo e il nome del soggetto in questione;
  • Copia di qualsiasi documento riguardante il fatto contestato;
  • Copia del reclamo spedito all’intermediario e la risposta fornita dallo stesso ai sensi dell’articolo 17, comma 1,  del regolamento Banca d’Italia/ Consob del 29.10.2007 in genere entro 30 giorni dalla ricezione dello stesso.

Cosa può fare la Consob

La Consob, tramite l’esposto, accerta l’eventuale infrazione e può accertare e correggere eventuali comportamenti e pratiche irregolari.

Cosa non fa la Consob

La Consob non può:

  • Intervenire nel merito del rapporto contrattuale tra intermediario e cliente;
  • Aprire un procedimento amministrativo, a meno che i fatti segnalati non rientrino tra le competenze istituzionali e non siano esaustivamente circonstanziati.
  • Non dà immediata e diretta tutela di diritti patrimoniali e non patrimoniali del cliente “leso”

In questi casi, infatti, è necessario rivolgersi:

  • All’Arbitro Bancario Finanziario (ABF), il quale risolve le controversie tra clienti ed intermediari in via “stragiudiziale” ed in tempi rapidi e con costi minimi. Decide nel merito della controversia, ma le sue decisioni non sono vincolanti.
  • All’Autorità Giudiziaria, quindi tramite processo, la quale decide con effetti vincolanti. I tempi sono più lunghi ed i costi sono maggiori.

Conclusioni

Ricapitolando, in caso di truffe e/o reclami, il processo che potete seguire è il seguente

  1. Sporgere reclamo all’intermediario finanziario in questione;
  2. Attendere la risposta, entro 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo;
  3. Se il reclamo non è soddisfacente:

i)        Potete inoltrare un esposto alla Consob;

ii)      Potete rivolgervi all’Arbitro Bancario Finanziario (ABF) – http://www.arbitrobancariofinanziario.it/;

iii)    Potete rivolgervi all’Autorità Giudiziaria.

Spero che questo possa aiutarvi nel caso di comportamenti scorretti da parte del broker di opzioni binarie nei vostri confronti.

Ricordate sempre che prevenire è meglio che curare e per questo vi invitiamo a seguire i nostri consigli e le nostre recensioni per evitare qualsiasi tipo di problema ed investire sicuri.

 

 La prevenzione è una cosa facile tramite iscrivendosi a questi broker.

 

.