Cosa Fare in Caso di Truffa

Ott 25

Cosa Fare in Caso di Truffa

La scelta del giusto broker per il trading online con le opzioni binarie è decisiva. Solo dopo averne verificato la serietà e l’affidabilità si potrà depositare il proprio denaro ed iniziare. Purtroppo può capitare che, nonostante tutto si venga truffati. Ciò può avvenire in svariati modi. Ad esempio non si potrà prelevare il proprio denaro perché verranno richiesti documenti impossibili da fornire. Oppure ci sono broker che manipolano i tempi di scadenza e le quotazioni, mandando il trader sempre in perdita. Anche dopo un reclamo, il broker dirà che la colpa è del sito e farà leva sui termini e condizioni, che diranno che non è responsabile. Oppure non si farà più sentire e non risponderà alle chiamate o ai messaggi. Ci auguriamo che non vi capiti mai. Ma nel caso succeda, cosa fare? Vediamo brevemente in rassegna i possibili passi da intraprendere in caso di truffa da parte del broker.

 

Diversificare ogni tanto fa bene ma non girate intorno interamente per trovare il miglior broker adatto per voi

Fare bene i compiti

Per prima cosa è bene sapere con chi si ha a che fare. Di preferenza è meglio fare tutte le relative ricerche prima di registrarsi sul sito di trading, ma forse avete fatto tutto troppo in fretta e avete tralasciato questo importante passo: è il momento di recuperare e fare la ricerca. Se siete i primi clienti ad avere avuto questa tipologia di problema, forse si tratta di un semplice malinteso. Se invece trovate la testimonianza di altri trader, allora possibile che si tratti di qualcosa di più serio, come semplice incompetenza o una vera truffa. I commenti in rete vi daranno sicuramente qualche informazione in più, soprattutto per individuare i passi da compiere per risolvere il problema.

Assicurarsi che il problema non siate voi

È importante inoltre essere certi di non aver causato il problema da soli. È consigliabile leggere attentamente i termini e condizioni per la transazione che si vuole portare a termine. Non sono stati forse forniti tutti i documenti richiesti? O forse volete un bonus per il quale non avete soddisfatto tutti i criteri? Volete prelevare una somma più elevata del massimo richiesto con il metodo prescelto? Se si trova l’errore si potrà velocemente correggerlo e cercare nuovamente di prelevare il proprio denaro. Forse il problema è legato alla comunicazione: il broker ha provato a contattarvi ma il vostro filtro spam ha bloccato il messaggio. Oppure il broker non ha ricevuto o letto il vostro messaggio. Dovrete controllare la cartella dei messaggi di posta elettronica in entrata per verificare se ci sia l’evidenza di una mancata comunicazione. Per essere sicuri di raggiungere il broker lo si può contattare telefonicamente.

Cercare una soluzione con le buone

È il momento di cercare una soluzione con le buone maniere. Bisognerà chiamare il servizio clienti ed esporre chiaramente il problema. Sarà importante prestare attenzione ai toni: l’irritazione o la rabbia non sono il miglior approccio. Meglio un atteggiamento costruttivo e cooperativo, dopo aver comunque espresso il proprio disappunto per l’inconveniente. Sarà più facile esporre il problema nella sua completezza e farsi aiutare. A seconda del tipo di problema il servizio clienti avrà bisogno di più o meno tempo per risolvere il problema. Per questo dovrete lasciare alcuni giorni. Se però non si troverà una soluzione, si dovrà procedere al prossimo passo.

Dare un ultimatum al broker

Dopo aver atteso invano una risposta che però non giunge, è tempo di cambiare strategia e dare al broker un ultimatum. Bisognerà comunicare chiaramente al broker un termine oltre il quale verrà intrapresa un’azione pubblica, in modo da mettere in guardia gli altri trader. Questo a prescindere dal broker, anche nel caso si difenda citando i suoi termini e condizioni che magari a prima vista gli danno ragione. Se per esempio vi sentite derubati di un guadagno di trading per un errore del sito (“Site error”), non avrà importanza se il broker è legalmente protetto. Avete comunque diritto di ottenere i vostri soldi. Ma se non riavrete quanto vi spetta, è il momento di denunciare il broker all’autorità competente e di postare pubblicamente su Internet la brutta esperienza per dare un giudizio negativo sul broker. Ci sono siti appositi che raccolgono questo tipo di testimonianze, come Ripoff Report. Se il broker è regolamentato andrà pure informato l’ente competente, ad esempio la CySEC.

In conclusione

Sarà possibile ridurre il rischio di incorrere in una truffa prendendo i seguenti provvedimenti:

  • Effettuare una ricerca approfondita in rete sul broker e leggere attentamente le recensioni e i post di altri trader che hanno utilizzato il broker per individuare le eventuali esperienze negative.
  • Esaminare il sito internet del broker e leggere la sezione termini e condizioni con particolare attenzione alla procedura di prelievo del denaro e al regolamento dei bonus. Cercare le eventuali trappole che potrebbero essere utilizzate dal broker a vostro svantaggio.

 

State in allerta pero’ a software o robot che promettono il mondo ma danno poco o niente – tenetevi stretti a broker raccomandati