Indicatori nelle Opzioni Binarie Esposti

Lug 25

Indicatori nelle Opzioni Binarie Esposti

In riferimento alle opzioni binarie, gli indicatori sono calcoli formulati che misurano il volume e il valore del prezzo di un’attività sottostante. Questi indicatori ci danno una visione della tendenza, i futuri movimenti di prezzo, la volatilità dei prezzi e quantità di moto. Gli indicatori nelle Opzioni binarie rientrano nella categoria ‘Analisi Tecnica’ in quanto l’obiettivo principale è il comportamento del prezzo, a differenza dell’analisi fondamentale che si occupa dell’influenza economica e finanziaria su una attività sottostante.

Meglio fidarsi di broker seri e professionali come questi giganti del mercato del trading

Indicatori di tendenza

Alcuni trader cercano di prendere approcci contrari al trading, ma la maggior parte degli investitori guardano le tendenze più ampie del mercato e quindi operano in direzione di tali tendenze. Per determinare la direzione di queste tendenze (e quindi inserire degli scambi coerenti), possiamo guardare gli indicatori di tendenza per verificare se dovremmo cercare di acquistare una call o una put.

Uno degli indicatori più popolari in questa categoria è la media mobile, che segna il prezzo medio di chiusura di un determinato numero di periodi di tempo. Le impostazioni comuni per questo indicatore sono 10, 21, 55, 100 e 200 periodi di tempo. Gli operatori utilizzano queste medie mobili (MA) in concerto tra loro per trovare un “incrocio” tra MA a breve termine e un MA a lungo termine.

In un incrocio al ribasso, una tendenza al ribasso è prevista, e questo crea un’opportunità per una put option. In un incrocio al rialzo, un trend rialzista è prevista e questo crea un’opportunità per le opzioni call.

Indicatori che confermano la tendenza

Mentre un indicatore come l’ MA può dare ai trader l’idea di una tendenza in via di sviluppo, gli  indicatori di conferma di tendenza possono essere utilizzati per “verificare” le tendenze che sono già state stabilite. Questi indicatori possono aiutare a mostrare se il momentum della tendenza è sano e destinato a proseguire (o il contrario).

Uno degli strumenti più popolari in questa categoria è la Moving Average Convergence Divergence (o MACD), che misura la differenza tra due medie mobili ed è disegnato come un istogramma per aiutare la previsione della direzione del prezzo.

L’indicatore MACD può anche essere utilizzato in combinazione con altri indicatori. Per esempio, se si vede un segnale di acquisto nel MACD, allo stesso tempo si vedrà un MA con un incrocio rialzista, questo vorrebbe dire una eccellente opportunità per le opzioni call. Gli indicatori che dimostrano una tendenza similare si traducono in  maggiori opportunità di trading.

Relative Strength Index (RSI)

 

Un’altra strategia può essere rappresentata dagli  indicatori ipercomprato e ipervenduto. Questi strumenti danno agli operatori un’indicazione di quando i prezzi sono aumentati troppo (ipercomprato) o diminuiti troppo (ipervenduto). L’indicatore Ipercomprato presenta opportunità di entrata in opzioni put (in attesa di successive diminuzioni dei prezzi), mentre le condizioni di ipervenduto presentano opportunità di entrare in opzioni CALL (perchè i prezzi sono quindi destinati ad aumentare).

 

Uno degli strumenti più comunemente utilizzati in questa categoria è il Relative Strength Index (RSI). L’economia di base ci dice che, quando i prezzi delle attività diventano troppo costosi, le persone sono meno propense ad acquistare tale elemento e hanno più probabilità di venderlo. Questa situazione rappresenta una condizione di ipercomprato e le opzioni PUT diventano preferibili. Al contrario, quando i prezzi delle attività diventano troppo a buon mercato, la gente sta andando a cercare di acquistare questo prodotto (è ora ipervenduto) e questo è uno scenario rialzista per l’asset. In questi casi, le opzioni call sono preferibili.

Conclusioni

Per coloro che hanno difficoltà a decidere sulla potenziale direzione del prezzo, gli indicatori possono rivelarsi molto preziosi per aiutare a trovare nuove opportunità. Ci sono molti diversi tipi di indicatori disponibili (e molti seguono regole simili in termini di struttura). La maggior parte degli operatori tecnici, tuttavia, utilizzeranno gli indicatori in combinazione tra loro, alla ricerca di casi in cui gli indicatori differenti e indipendenti mostrano gli stessi segnali. In questi casi, i trader hanno una maggiore probabilità di prevedere con precisione i futuri movimenti dei prezzi, e questo può essere di grande aiuto quando si cerca di migliorare i risultati di trading in opzioni binarie.

 Rischi prendete tanti ma ascoltate bene i nostri consigli su quale broker fidarsi